martedì 25 febbraio 2014

Aida, la lunga gestazione

Copertina Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Dopo ben due anni dalla sua preparazione esce in Italia “Splende una nota- Aida”. Il progetto dell’Associazione L’Ilopera è nato per avvicinare bambini e ragazzi all’Opera Lirica. Qui il testo dell’Aida è riscritto per ragazzi, in italiano e in inglese, con precisi riferimenti ai brani dell’Opera che possono essere anche ascoltati attraverso il web. Quando mi hanno avvisato che stava per uscire ormai ero convinta che aspettassero la mia dipartita per pubblicarlo postumo e guadagnare di più! =D
Due parole su come l'ho progettato. Non dovevo confrontarmi con un classico libro illustrato ma con centinaia di allestimenti di una delle più famose opere verdiane (scusate se è poco...). La fase di ricerca è stata abbastanza lunga, mi sono creata dei punti di riferimento per lo stile che avrei usato (non doveva essere per bambini troppo piccoli ma neanche troppo  articolato da risultare illeggibile). La pittura Egizia ha un fascino incredibile, ne ho studiato i moduli decorativi, le forme simboliche ripetute, i colori, e per quanto possibile, le pose (ho usato quasi tutti personaggi di profilo, tranne in due o tre situazioni). 

Pittura Egizia, studio per Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Azur e Asmar, di Ochelot. copertina. ispirazione per l'Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Qualche anno fa sono rimasta molto affascinata da alcuni films d’animazione del francese Micel Ocelot. Mi fu regalato un libro tratto da una delle sue opere: “Azur et Asmar”  e mi piaceva molto il contrasto che c’era tra gli sfondi, preziosi, elaborati e coloratissimi, e le figure estremamente lineari, spesso ridotte a silouettes, questo è stato uno dei riferimenti visivi.

Avevo poi in testa questa sensazione di sfarzo e splendore tipico del melodramma, volevo che tutto luccicasse, ma nello stesso tempo si vedesse che il luccichìo era finto, teatrale. Il marchio indelebile che ha lasciato il teatro in me è che in sostanza puoi creare il più grande sfarzo con materiali veramente poveri, l’uso di oggetti e materia reale che assume altro significato è una costante dei miei lavori. Ho cominciato a scegliere i materiali che hanno formato la tavolozza (se così la vogliamo chiamare). Diciamo che per ogni lavoro prendo una "fissazione", per l’Aida la parola d’ordine è stata “ferraglia”. Per settimane sembravo una gazza ladra, qualsiasi oggetto riflettesse la luce veniva sottratto alla sua funzione primaria, smontato e passato sullo scanner, poi pulito e isolato il più possibile perché diventasse un modulo decorativo. Com’era ridotto il mio angolo studio? Una discarica, per rendere l’idea. Questi sono alcuni esempi.

Oggetti utilizzati per le tavole. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
graffette da ufficio, condensatori, lucine natalizie,vecchi circuiti elettrici, schede madri di pc

Oggetti utilizzati per le tavole 2. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
linguette di lattine di bibita, gancetti di varie forme, filo elettrico, filo d'ottone

Ed ecco qualche elemento "montato"
Elementi preparatori per le tavole. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
il corpetto di Radames, il ventaglio della copertina
Dovevo scegliere poi lo stile dei personaggi. Quando creo personaggi buffi in genere mi ispiro vagamente alla realtà ma reinvento, in questo caso invece volevo modelli reali, quasi attori da truccare, vestire e “appiattire”. Come sempre è partita la caccia all’uomo. La mia fortuna è quella di avere amici estremamente pazienti, che mi assecondano nella mia follia. Ho scelto le “vittime” e dopo essermi fatta uno storyboard di massima per studiare le pose che volevo,  le ho sottoposte a sessioni fotografiche che ci hanno fatto passare pomeriggi esilaranti. 
Storyboard 1. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration

Storyboard 2. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Decisamente non ho la stoffa del regista, ma mi sono molto sforzata, giuro. Discutevamo di quello che stava accadendo nel dramma e quando spiegavo loro l’atteggiamento che dovevano avere, la povera Aida man mano si trasformava in una specie di sceneggiata napoletana. Ovviamente non potevo pretendere di avere tutti gli attori a disposizione nello stesso luogo e allo stesso momento, per cui ho costretto per esempio, fratelli e sorelle ad abbracciarsi come amanti, per poi sostituire i personaggi in fase di lavorazione.
Foto per studio.Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
alcuni "attori"


ed ecco qualcuna delle tavole finali.
Tavola Radames Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Tavola Aida e Amneris Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Tavola Radames e Aida. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Investitura di Radames. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Trionfo di Radames. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Amonasro in prigione. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Radames, Aida, Amonasro. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Processo a Radames con il Re e il Gran Sacerdote. Aida di Monica Auriemma. Children's Book Illustration
Per ora il libro si trova nello shop del Teatro alla Scala di Milano e in quello della Fenice di Venezia, si può ordinare on line QUI
Di seguito il Link ad una mia intervista rilasciata al periodico TempiDispari