sabato 1 marzo 2014

Introducing the London Borough of Hackney (stateve accuort!)

“E dove andrete ad abitare? “ci aveva chiesto prima di partire una simpatica signora, emigrante DOC, partita cinquant’anni fa, in una surreale chiacchierata in italo-anglo-casertano. “Hackney!” – “mmm… dangerous! Stateve accuort! Là sso’ tutti Facc’e’ Carbone! Non credevo che nel ventunesimo secolo per definire i neri qualcuno usasse “ FACC’E’ CARBONE”, con la R arrotolata all’inglese, faceva un effetto quasi comico. Lì per lì ci siamo fatti due risate su e abbiamo pensato: ma la signora lo sa che siamo di Napoli?

Mappa Hackney. luoghi di Londra. Life in London
Appena arrivati abbiamo cominciato a guardarci intorno. Teniamo conto che Londra è divisa in molti quartieri, ognuno dei quali ha una certa autonomia amministrativa. Hackney per esempio, è diviso a sua volta in una quindicina di distretti, ha tre Public Library (mi sono iscritta subito!), due testate giornalistiche ("Hackney Today" mi arriva a casa gratis ogni 2 settimane), un museo, un paio di grandi parchi pubblici e copre un’area di 19 km quadrati con 250.000 abitanti. Rispetto a Londra, che di km quadrati ne ha 1.572 e di abitanti 8 milioni e mezzo circa (otto milioni di concittadini???), sono bruscolini.  Bisogna fare i conti con le proporzioni di questa città, decisamente…  
Daniel De Foe ad Hackney. luoghi di Londra. Life in London
Daniel De Foe
Noi siamo collocati ad est, al di sopra del Tamigi che taglia  Londra in due in senso orizzontale. Zona decisamente  popolare (eh, il karma proletario non è acqua…), con una buona percentuale di neri (ecco le “Facc’e’ Carbone”), in pieno fermento artistico, abbiamo Shoreditch che è punto di riferimento per arte e design, siamo vicini a Camden, alternativa ed eccentrica per vocazione. Confiniamo con Stratford, il quartiere sede dei giochi olimpici del 2012, in fase di riqualificazione proprio grazie ai giochi. Questo significa rafforzamento delle linee di comunicazione, nuovi spazi abitativi, nuove sedi universitarie nell'area dedicata al villaggio olimpico e nuove attività commerciali, si prevedono migliaia di posti di lavoro, la cosa ci piace. 

Scopro nel museo che fin dal 1500 Hackney era zona d'elezione per artisti, intellettuali e persone "alternative" che preferivano stare fuori dal controllo della City. Ci si trasferi' Daniel De Foe, l'autore di Robinson Crusoe. 

Colin Firth ad Hackney. luoghi di Londra. Life in London
Colin Firth
In tempi recenti ha vissuto qui, a  Sutton Place, l’attore Colin Firth, che io amo (platonicamente, per carità!), e perciò spero sempre di incontrarlo quando va a trovare, che so, un amico, un vicino di casa, un parente…  (finora non si è visto, che diavolo, Colin, diventi una star e ti dimentichi degli amici?! ).
Alfred Hitchcock  iniziò la sua carriera a Shoreditch , Adrian Smith  degli Iron Maiden e Sid Vicious dei Sex Pistols sono di qua e il famoso Jimmy Choo, quello delle scarpe (che non ho mai comprato e  la cosa non mi turba) ha aperto il primo laboratorio proprio qui.  Gente strana ne è passata, ora che lo so, mi sento più a mio agio.

Hackney è considerato un posto sicuro dove vivere? Devo fare un bilancio dopo un anno e mezzo e vi dirò che a parte gli avvisi che trovammo proprio al nostro arrivo, in biblioteca, con foto di parecchie persone ricercate per i disordini del 2011(Hackney fu una delle zone più violente), a parte un omicidio abbastanza vicino a casa, il furto dello stereo, lasciato incautamente da noi nell'auto("siamo a Londra, mica a Napoli!" famous last words...), con relativa rottura del finestrino, il furto del furgone di Danilo e a parte un possente calcio alla nostra porta di casa in piena notte da parte di un gruppo di ubriachi, la zona è abbastanza tranquilla, mi sento quasi a casa! (Stateve accuort!)
Foto disordini Hackney 2001 London. Luoghi di Londra. Life in london
foto dei disordini del 2011


5 commenti:

  1. come vivere a Londra con leggerezza e simpatia,e tu ci riesci,grande Monica ;-) Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angela, che bello il tuo blog, sentivo gli uccellini e mi ero illusa fossero fuori dalla mia finestra...ahahah!

      Elimina
  2. Prima o poi vengo a trovarti così mi mostri dal vivo questo quartiere di “ FACC’E’ CARBONE” ;-)

    RispondiElimina
  3. ma l'aida mi pare la merola o sbaglio ?

    RispondiElimina
  4. ahah, sì, le somiglia un po' ma in realtà è una paziente ragazza africana che ha posato per me! =)

    RispondiElimina