mercoledì 30 aprile 2014

Leggo perchè...

Illustrazione.L'Orlando Furioso.Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education
L'Orlando Furioso
Illustrazione.La lingua nel Medioevo. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education
Capita a volte di doversene andare perché qualche editore importante si accorga di te. Ovviamente non è una legge, ma a volte capita…


Per il prossimo anno scolastico uscirà in Italia un’antologia per le scuole medie della Mondadori Education dal titolo “Leggo perché…”di cui io ho curato un’ottantina di illustrazioni del volume di Letteratura. Per quale misterioso intreccio di circostanze siano arrivati a me, senza conoscermi personalmente e in un momento in cui non ero presente né fisicamente, né con pubblicazioni nuove sulla scena editoriale italiana, non lo sapremo mai. So solo che un giorno mi è arrivata una mail e che appena ho letto MONDADORI ho fatto un salto sulla sedia. 



E’ così che mi sono tuffata nell’editoria scolastica. La parola tuffata non è scelta a caso. La scolastica ha dei ritmi che per un illustratore abituato al picturebook sono da infarto. In questo caso consegne di circa 10 tavole alla settimana. D’accordo, le illustrazioni erano piuttosto piccole ma insomma, dieci tavole... 


Illustrazione di Monica Auriemma.Iacopo da lentini."Leggo perchè..." Mondadori Education
Iacopo da Lentini. "L’amor è uno desìo che ven da core". 
A volte avevo a disposizione delle striscioline di pochi centimetri, o degli spazi a forma di L, U un paio di volte Z (!), ho realizzato i disegni al doppio della grandezza, altrimenti non riuscivo a fare i particolari, e poi rimpicciolivo in fase di “montaggio”. 
Illustrazione.Cecco Angiolieri.Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education
Cecco Angiolieri. " Becchin' amor! Che vuo' falso tradito!"






Poi c’era il fattore suspense: sapevo solo che si trattava della letteratura dal medioevo ai giorni nostri, ma i testi mi arrivavano di settimana in settimana. Aprivo la mail e… toh, questa settimana roba semplice, Dante, Petrarca e Boccaccio! 
Illustrazione.San francesco.di Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education
Il Cantico delle creature


E’ stato come tornare ai tempi della scuola, comprese le preferenze o le antipatie per qualche autore, senza l’ansia da interrogazione. Solo qualche nottatina per consegnare. Conclusione: positiva. Anche perchè nella vita quante altre occasioni avrò di illustrare la Divina Commedia, L’Orlando furioso, i Promessi sposi?

Questa è una selezione delle tavole. Non tutte e ottanta, state tranquilli! 
Illustrazione. Il Milione. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education
Marco Polo. Il Milione












Da ragazzina mi innamorai follemente del protagonista dello sceneggiato televisivo di Giuliano Montaldo. Questa è una parte della cittadella del Gran Khan. 
Illustrazione.la selva oscura. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education

Dante Alighieri. 
La Divina Commedia.






La Selva Oscuuuuura! (prego evitare tutti i paragoni con gli altri illustratori. Per pietà…)

Illustrazione.Caronte. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education



Caronte.


Il mio versetto preferito: “Caron, non ti crucciare, vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole e più non dimandare…” e sta un po’ zitto!

Illustrazione. Manfredi. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education





Manfredi.



Confesso che Manfredi non me lo ricordavo.  Era un re svevo, figlio illegittimo di Federico II.
Il povero disgraziato si pentì in punto di morte ma fu scomunicato lo stesso e le sue ossa gettate nei campi.

Illustrazione. Manfredi2. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education





Siccome era descritto come “biondo, e bello, e di gentile aspetto” ho pensato bene di omaggiare il mio compagno con un ritratto (togliendogli giusto quei trenta chili di dosso…), veramente regale! 
Illustrazione. Paolo e Francesca. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education








Paolo e Francesca, la grande ingiustizia ai miei occhi di adolescente. “Amor, ch’a nullo amato amar perdona”, Dante, questa non te l’ho mai perdonata. Approfitto per dirtelo ora. NON dovevi collocarli all’inferno, potevi trovare un escamotage, eri tu l’autore, che diavolo! E non credere di cavartela perchè svieni a fine canto e cadi come corpo morto cade! 
Illustrazione. Petrarca. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education










Francesco Petrarca, il tormentato.
Tutta la vita a oscillare tra l’amore per Laura e il senso di colpa per l’abito talare che portava. Dev’essere stato meraviglioso…
Illustrazione. Orlando Furioso2. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education
L'Orlando Furioso. palazzo di Atlante




Il Palazzo del Mago Atlante: ori, sete e strani ornamenti. Orlando ormai è fuori di testa, crede di aver visto Angelica e la insegue dovunque:
“Di su di giù va il conte Orlando e riede;/né per questo può far gli occhi mai lieti/che riveggiano Angelica, o quel ladro/che n’ha portato il bel viso leggiadro.” Orlando Furioso: rileggere!
Illustrazione. Parini. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education




Parini. Il Risveglio del Giovin Signore.
Ode alla giornata inutile di un giovane nobile del 700. Satira efficacissima del modo di vivere dei nobili-parassiti, mi ricorda tanto i quadri di Hogart. “e de’ labbri formando un picciol arco,/dolce a vedersi, tacito sbadiglia”






Ugo Foscolo. Alla Sera.
“Forse perché della fatal quiete/tu sei l’immago,/a me sì cara vieni,/o Sera!...” La Morte, signori, non c’è da sbagliarsi. E io, che per ispirarmi ero partita dai quadri di Friedrich, con questa Morte all finestra,sono quasi finita in Dylan Dog…ecco i rischi di vivere nella cultura di massa.
Illustrazione. A Silvia. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education



Giacomo Leopardi. A Silvia. 
L’apice dell’allegria. 
La povera ragazza passava le giornate cantando e tessendo, immaginando un futuro felice e invece: 
O natura, o natura, 
perché non rendi poi
quel che prometti allor?
perché di tanto inganni i figli tuoi? 
Tu pria che l’erbe inaridisse il verno,
da chiuso morbo combattuta e vinta,
perivi, o tenerella.” 

Ma magari nel suo futuro ci sarebbe stato un marito ubriacone, dodici figli ed un lavoro usurante… chi può dire se la natura è stata veramente maligna?
Illustrazione. Promessi Sposi. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education
Alessandro Manzoni. I Promessi Sposi.
Ho scavato nei vecchi sceneggiati televisivi, per l’incontro con i Bravi mi sono permessa di citare Alberto Sordi, un fantastico Don Abbondio ."– Cioè… – rispose, con voce tremolante, don Abbondio: – cioè. Lor signori son uomini di mondo, e sanno benissimo come vanno queste faccende. Il povero curato non c’entra..."
Illustrazione. Promessi Sposi2. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education


“Per amor del cielo, per quel Dio, al cui cospetto dobbiam tutti comparire … – e, così dicendo, aveva preso tra le dita, e metteva davanti agli occhi del suo accigliato ascoltatore il teschietto di legno attaccato alla sua corona…” Questo è il bellissimo dialogo che culmina con la profezia: “Verrà un giorno…” , che puntualmente si compie. Don Rodrigo morirà di peste, solo e abbandonato. Tiè!







Giovanni Verga.
Rosso malpelo.
Niente lieto fine qui. 
Una storia amara. 
In questa scena il ragazzino misura le scarpe del padre morto in miniera. 
La stessa fine che toccherà a lui. 

Illustrazione.Pirandello. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education
Luigi Pirandello. Il fu Mattia Pascal.
Il protagonista pensa di sfruttare la falsa notizia della sua morte per rifarsi una vita altrove, ma scopre che senza documenti non “esiste” più. La scena descrive il suo ritorno in paese dopo due anni. “Ah, che vuol dir morire! Nessuno,nessuno si ricordava più di me, come se non fossi mai esistito… Due volte percorsi da un capo all’altro il paese, senza che nessuno mi fermasse.”
Illustrazione. Il paradiso dei bambini. Monica Auriemma."Leggo perchè..." Mondadori Education
Nagib Mahfuz. Il Paradiso dei bambini
Dialogo serrato tra padre e figlia sulla religione. Adoro i bambini quando ci mettono in imbarazzo!   “Moriamo quando lo vuole Iddio. – E perché Dio vuole che moriamo? – Egli è libero di fare ciò che vuole. – La morte è bella? – Oh no, tesoro. – E perché Dio vuole una cosa brutta? – È bella quando è lui a volerla.– Ma tu hai detto che è brutta.– Mi sono sbagliato, amore.”

Copertina. Leggo perchè... mondadori Education
Abbiamo finito! Una pacca sulla spalla a chi è arrivato fin qui! Il libro non è ancora in vendita, per ora lo trovate qui